IT - Testimonianze a Papa Francesco

Actualizado: 29 de jun de 2019




TAIWAN


Sua Santità Papa Francesco,

Sono Fr. Matthew Hsu, SJ, il direttore della Rete Mondiale di Preghiera del Papa a Taiwan. Sono veramente lieto di avere l'opportunità di riferirle come sta andando la versione di Click To Pray in Cinese tradizionale, a Taiwan. Il primo di marzo di quest'anno, in occasione della Conferenza Eucaristica di Taiwan, con la Conferenza Episcopale, tenutasi presso la diocesi di Chiayi, abbiamo lanciato ufficialmente la versione di Click To Pray in Cinese tradizionale.

Click To Pray aiuta le persone a vivere la propria vita spirituale in maniera pratica, tre volte al giorno. Sono molte le persone che vorrebbero stare più vicine a Dio, ma non sanno come farlo. Attraverso Click To Pray, ricevono una guida semplice e pratica per la vita spirituale. Gradualmente, passano a coltivare l'abitudine della preghiera nella propria vita quotidiana. Mediante questa app, aprono il proprio cuore a Dio e dedicano la propria vita a Gesù Cristo. Inoltre, imparano a preoccuparsi più profondamente dei bisogni del mondo e della missione universale della Chiesa. Questa app li arricchisce nella fede.

Alcuni giovani mi hanno detto che, da quando pregano insieme al Papa su Click To Pray, si sentono più vicini alla Chiesa. Attraverso la sezione della preghiera di intercessione di Click To Pray in Internet, la gente avverte di non essere più sola lungo la strada della fede. Le persone vedono e percepiscono il supporto dei fratelli e delle sorelle di tutto il mondo. Ciò contribuisce a far capire a ciascuno che apparteniamo tutti al corpo di Cristo. Attualmente, la situazione della società di Taiwan non lascia molto spazio per consentire ai giovani di avvertire la speranza. Tuttavia, grazie alla loro fede, cercano comunque di vivere i valori del Vangelo e di essere testimoni nel mondo dell'amore e della compassione di Dio. Sua Santità, Papa Francesco, Lei è un grande esempio per noi, e noi preghiamo spesso per Lei. Grazie per il suo supporto.



FRANCIA

Marie Dominique Corthier, madre di famiglia, componente della Rete Mondiale di Preghiera del Papa, in Francia, Coordinatrice francofona e Assistente europea.


Nel processo di rifondazione dell'Apostolato della Preghiera, abbiamo compreso chiaramente che dovevamo ritrovare il nostro legame con il cuore di Gesù, perché è questa forte relazione che può renderci missionari tramite la preghiera. Questo amore ardente ci dona i sentimenti di compassione di Gesù per il mondo e fa nascere in noi il desiderio di portare la missione con Lui: questa missione si concretizza nelle intenzioni di preghiera del Papa.

In Francia, con il direttore della Rete Mondiale di Preghiera del Papa, abbiamo proposto numerosi ritiri spirituali con Il Cammino del Cuore, quindi abbiamo compreso fino a che punto questo passaggio per il Cuore di Gesù fosse essenziale: è la chiave di volta dell'itinerario. Questo amore cambia il nostro cuore e ci rinvia al cuore del mondo.

Oggi sta a noi cercare e trovare il mezzo per far conoscere Il Cammino del Cuore a quante più persone possibile!



ARGENTINA


Caro Papa Francesco,

Mi chiamo Bettina Raed, sono di Mendoza – Argentina, sono moglie e madre di famiglia, e Direttrice della Rete Mondiale di Preghiera per l'Argentina e l'Uruguay. Vorrei parlarle del Cammino del Cuore. Si tratta di una vera scuola del Cuore che ci aiuta a mettere il nostro cuore in sintonia con quello di Gesù, affinché i nostri sentimenti e i nostri gesti siano calibrati con quelli di Lui in modo da collaborare nella Sua missione di compassione per il mondo.

In Argentina e Uruguay promuoviamo e appoggiamo con determinazione lo sviluppo di questo progetto. Nelle comunità, nei collegi, nelle parrocchie si prega con Il Cammino del Cuore: vediamo concretamente in che modo i cuori si accendono e ardono di amore e allegria.

Con l'équipe internazionale abbiamo scritto piccoli libri per aiutare ad entrare nel Cammino Cuore e pregare con esso. Oggi abbiamo ufficialmente lanciato qui una piattaforma digitale con sito web, e app per il telefono, per facilitare la diffusione di questa missione di compassione.

Siamo davvero felici di lavorare per Il Cammino del Cuore affinché aiuti tutti a entrare nella dinamica del Cuore di Gesù e stimoli le persone a mobilitarsi per le necessità di uomini e donne di questo mondo. Preghiamo con te e per te, Papa Francesco, lavorando per il prossimo.



ETIOPIA


Salve. Mi chiamo Selam Berhanu, sono una Figlia del Cuore di Maria e Coordinatrice nazionale del MEG in ETIOPIA. Desidero iniziare esprimendo la mia gratitudine a Dio, all'amatissimo Papa Francesco e alla sua Rete di Preghiera.

L'Etiopia si trova nel Corno d'Africa. È uno dei più antichi paesi cristiani, un paese dove i Cristiani e i Musulmani vivono in armonia. Il MEG fu avviato nel 2008 da Sr. Vivian, DHM, del Madagascar, nell'ambito della scuola. In questi anni il movimento è cresciuto lentamente nelle parrocchie e oggi il MEG è presente in 11 diocesi. Il MEG conta il più alto numero di partecipanti tra tutti i movimenti giovanili e a 10 anni dall'inizio, oggi siamo in 13.000.

Il MEG genera grande entusiasmo per l'amicizia con Gesù, tra i bambini come tra i giovani.

Il MEG in Etiopia è radicato nella parola di Dio, nutrito dall'Eucarestia e proteso con gioia verso gli ammalati, i poveri e i bisognosi per compiere la propria missione.

Il MEG sta aiutando i giovani a scoprire la loro vocazione e a impegnarsi nelle proprie parrocchie e verso la società, inoltre l'impegno del MEG verso Gesù e la Sua presenza nell'Eucarestia ha rappresentato un fattore determinante nello scoprire la mia vocazione.

Concludo con un'intenzione di preghiera, a nome dei nostri giovani: desideriamo invitare Papa Francesco in Etiopia. Sarebbe il primo Papa che visita il nostro paese.

Grazie e tutti e che Dio vi benedica.



GUATEMALA


Caro Papa Francesco, e cari amici della Rete Mondiale di Preghiera del Papa e del MEG:

Mi chiamo Diego Martínez, sono originario dell'America Centrale, nato in Guatemala, coordinatore nazionale della Rete Mondiale di Preghiera del Papa, in Guatemala. Trovarmi alla vostra presenza è una grande benedizione.

Vi ringrazio per aver posto il vostro sguardo sul Guatemala, paese pieno di gente cordiale, cultura e una natura varia. Fin da giovane mi sono impegnato nella Chiesa e in diverse organizzazioni allo scopo di lavorare per la pace. Abbracciare la missione per me è stata una grande sfida, per i conflitti che vive il mio paese.

La Rete Mondiale di Preghiera del Papa in Guatemala è stata accettata bene da parte dei giovani e degli anziani. Condividendo Il Video del Papa e Click To Pray, ho visto che si tratta di un messaggio di Cristo, di speranza e di consolazione, di aiuto alle persone affinché riprendano il cammino e avvertano la Sua vicinanza. Insieme alla mia famiglia, ai miei amici, ai religiosi e ai mezzi di comunicazione, abbiamo risvegliato il desiderio di lavorare in unione, così portiamo la missione a tutto il paese. L'impatto sta crescendo, tanto che avverto la necessità di portare Il Video del Papa alle comunità, nei loro idiomi maya.

Ho sempre sognato di lavorare con il Papa. Nulla si muove senza la volontà di Dio. Mi sento felice. Continuerò a promuovere la gioia della Rete Mondiale di Preghiera del Papa nel mio paese: il Guatemala lo ama! Lo accompagniamo nella preghiera.



PORTOGALLO

P. António Valério, sj

Direttore nazionale della Rete Mondiale di Preghiera del Papa.


Santità,

L'Apostolato della Preghiera, oggi Rete Mondiale di Preghiera del Papa, fece il suo ingresso in Portogallo nel 1864. Da allora, ha occupato un posto importantissimo nella Chiesa in Portogallo. L'amore per il Cuore di Cristo e l'Eucarestia, unitamente alla preghiera per le intenzioni del Papa, fanno parte del tessuto caratteristico della compassione popolare portoghese.

Ci spinge il desiderio di unire la saggezza dei più anziani alla vitalità dei più giovani, nell'ambito della vita della Chiesa.

Nel nostro paese vi è una presenza significativa di Centri di Apostolato della Preghiera nelle parrocchie. Il processo di rifondazione e diffusione, anche mediante i mezzi digitali, ha consentito di coinvolgere persone più giovani e motivate nella missione della Rete Mondiale di Preghiera del Papa. Siamo consapevoli che lo Spirito ci ha fatto lavorare per aiutarci a coltivare l'intimità con Gesù e offrire la vita quotidiana a favore del prossimo. Molti giovani, attraverso le piattaforme digitali che proponiamo – Passo-a-Rezar; Click To Pray; Il Video del Papa –, hanno scoperto la vita di preghiera e hanno aperto il loro cuore alle grandi sfide del mondo e della missione della Chiesa, a livello personale e comunitario.

Oggi rinnoviamo il nostro impegno e il nostro entusiasmo al servizio della missione di Cristo e della diffusione delle intenzioni che Sua Santità ci affida.